Archivi categoria: Riflessioni

Link
LA RELAZIONE D’AIUTO

La relazione d’aiuto s’instaura quando sono presenti almeno due persone, sedute una davanti all’altra. Come ogni tipo di relazione, è caratterizzata da regole e dinamiche.

Una delle due persone interessate racconta, l’altra è capace di ascoltare. L’ascolto si attiva in circostanze di tranquillità, in un ambiente protetto, dove sia garantita riservatezza. Ascoltare richiede presenza e centratura nel qui e ora. Richiede la capacità di non giudicare, di rispettare i tempi e lo spazio di chi viene ascoltato. Necessita di empatia. Essere empatici significa soprattutto avere la capacità di stare con l’altro senza giudizio, interpretazione o desiderio di cambiarlo.

Ascoltare è saper cogliere nel dialogo le sfumature espressive ed emotive, per rimandare quei concetti di cui l’ascoltato non è ancora del tutto consapevole.

Continua a leggere

Link
L’INCONSCIO TECNOLOGICO – COME LA TECNOLOGIA INTERAGISCE CON LA NOSTRA PSICHE

Umberto Galimberti, filosofo contemporaneo, ha ipotizzato l’esistenza nella struttura della psiche di robot-cervelloun nuovo tipo di inconscio, che ha chiamato inconscio tecnologico.

Come ben sappiamo, l’inconscio contiene il rimosso, ovvero l’insieme di tutte le sensazioni, i desideri, le emozioni, gli istinti, gli eventi e i traumi che i nostri meccanismi di difesa occultano alla coscienza, per permetterci di vivere con maggiore tranquillità e armonia.

Continua a leggere